Dalla pietra la luce

Parallelamente alla produzione artigianale di oggetti d’arredo di interni ed esterni, Mele Stone ripone grande attenzione al tema del recupero degli scarti di cava e delle cave dismesse, mirando a divenire nel tempo punto di riferimento per lo studio e lo sviluppo dell’attività progettuale.

Le cave, ferite profonde non solo per i mezzi tecnologici con i quali sono state scavate, ma anche per le loro  dimensioni che, in ogni caso, le azioni naturali non saranno mai in grado di rimarginare.

La cava è da intendersi quale luogo materiale di nascita dell’architettura, luogo dal quale la “pietra in posto” muta il suo stato da massa inerte a mezzo di comunicazione mentale.

La nostra filosofia aziendale vuole portare in primo piano il valore estetico e architettonico, “oltre che storico” delle cave.  La significativa presenza di questi spazi nel territorio rappresenta un valore inestimabile non solo dal punto di vista economico, ma anche architettonico, ambientale e, in senso lato, culturale.

Le cave fanno parte del nostro tessuto sociale e culturale e tramandano un’antica arte mineraria.

L’attuale tecnica estrattiva prevede che a seguito delle operazioni di taglio sia notevole anche le quantità di scarto di lavorazione. Cumuli di pietre che restano ai margini di questi luoghi e che, spesso, con il passare del tempo, mascherano la bellezza delle pareti scavate e la potenzialità di fruizione da parte di visitatori.

 

Per restituire alle cave la loro bellezza Mele Stone si fa promotore della campagna #lucedicava che mira a restituire vita alle pietre di scarto facendole divenire delle bellissime lampade per l’arredo di interni.

Nasce la serie TABIT, che in astronomia è la stella più luminosa dell’asterismo dello scudo di Orione e la sua luminosità è tre volte maggiore di quella del Sole.

Lampada in pietra leccese, lavorata al tornio e rifinita a mano. Cinque declinazioni, dallo stile minimale, con filo elettrico in fibra naturale e nottolino in ottone.

Nostro aupicio che la luce delle cave di Cursi arrivi nel mondo.

L’interesse odierno verso la tematica della salvaguardia e della valorizzazione dei luoghi dell’estrazione che hanno terminato la fase della coltivazione scaturisce dal fatto che queste aree, per il loro intrinseco significato urbanistico e ambientale, costituiscono una indubbia risorsa culturale per la riqualificazione dell’immagine della città. Entrare in questi teatri naturali è un’esperienza che intimamente ci ricongiunge con la materia e con la sua imponente forza, e Mele Stone organizza dei tour esperienziali per permettere ai visitatori emozioni e sensazioni indimenticabili.